Le notti di Salem di Stephen King || Recensione

Bentornati lettori,

Oggi parliamo di uno dei libri più conosciuti del re.

Ben Mears, uno scrittore di successo cresciuto nell’immaginaria cittadina di Jerusalem’s Lot, chiamata “il Lot” dagli abitanti), torna nella città natale 25 anni dopo. Giunto in città, diventa amico dell’insegnante di liceo Matt Burke e intraprende una relazione sentimentale con Susan Norton, una giovane laureata. Ben inizia così a scrivere un libro su ‘Casa Marsten’, una magione abbandonata che gli causò molti incubi dopo una brutta avventura vissuta da bambino.

Il romanzo è stato pubblicato nel 1975. È il secondo pubblicato dall’autore, dopo Carrie (1974).

Il titolo originale pensato da King era Second Coming, poi trasformato in Jerusalem’s Lot e infine abbreviato in Salem’s Lot.

In questo romanzo abbiamo le vibes di Dracula (Bram Stoker) e di Abbiamo sempre vissuto nel castello (Shirley Jackson). È risaputo ormai il mio amore per la Jackson. Per quanto riguarda Dracula invece non mi era tanto piaciuto. Forse soprattutto per lo stile epistolare che me lo ha reso un po’ pesante. Nel caso di Le notti di Salem invece lo stile tipico di King rende impossibile non essere coinvolto. La mole di pagine è consistente (è simile a quelle di Dracula) ma in questo caso non le si sente tanto la lettura diventa coinvolgente. Si sente l’esigenza di sapere di più, di conoscere l’epilogo e di farlo il prima possibile.

Ci sono tantissimi personaggi ma sono caratterizzati così bene da riuscire a seguirli tutti facilmente.

Uno dei protagonisti lo rivedremo nella serie La torre nera. Non vi dico quale sia per non spoilerarvi nulla ma se avete letto il libro (o se lo leggerete) intuirete subito a quale mi stia riferendo. Questo perché è l’unico di cui ad un certo punto non sapremo altro lasciando la sua storia sospesa.

Non posso che consigliarvi questo libro. Che vi piaccia o meno il genere non potete non leggerlo almeno una volta nella vita.

Voi lo avete letto?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.